OII

Quesiti della fase scolastica delle Olimpiadi di Informatica che si basano sulla grafica della tartaruga.

Discussione 2013 – n. 16

La grafica della tartaruga prevede che si possano impartire degli ordini di movimento a una tartaruga, che li eseguirà lasciando sul terreno una traccia dei suoi movimenti, come se avesse una penna attaccata sulla pancia.

oii_2013-14_16Gli ordini possono essere impartiti tramite un semplice linguaggio, stando attenti che:

  • le istruzioni destra e sinistra sono relative all’orientamento attuale della tartaruga, e il numero che segue è un angolo espresso in gradi;
  • pennasu e pennagiu sollevano e abbassano rispettivamente la penna sotto la pancia della tartaruga; quando la penna è sollevata ovviamente non lascia tracce sul terreno;
  • l’istruzione ripeti fa ripetere il blocco che segue, delimitato da parentesi graffe, per un numero di volte indicato a fianco dell’istruzione.

Data la seguente figura prodotta con la grafica della tartaruga e il seguente codice che l’ha prodotta, indicare quali numeri mancano nelle posizioni indicate dalle lettere X, Y e Z

Discussione 2014 – n. 16

La grafica della tartaruga prevede che si possano impartire degli ordini di movimento a una tartaruga, che li eseguirà lasciando sul terreno una traccia dei suoi movimenti, come se avesse una penna attaccata sulla pancia.

oii_2014-15_16Gli ordini possono essere impartiti tramite un semplice linguaggio, stando attenti che:

  • le istruzioni destra e sinistra sono relative all’orientamento attuale della tartaruga, e il numero che segue è un angolo espresso in gradi;
  • pennasu e pennagiu sollevano e abbassano rispettivamente la penna sotto la pancia della tartaruga: quando la penna è sollevata ovviamente non lascia tracce sul terreno;
  • l’istruzione ripeti fa ripetere il blocco che segue, delimitato da parentesi graffe, per un numero di volte indicato a fianco dell’istruzione.

Data la seguente figura prodotta con la grafica della tartaruga … e il seguente codice che l’ha prodotta, indicare quali numeri mancano nelle posizioni indicate dalle lettere X, Y e Z

2015 – n. 19

La grafica della tartaruga prevede che si possano impartire degli ordini di movimento a una tartaruga, che li eseguirà lasciando sul terreno una traccia dei suoi movimenti, come se avesse una penna attaccata sulla pancia.

Gli ordini possono essere impartiti tramite un semplice linguaggio, stando attenti che:

  • l’istruzione avanti passi fa compiere alla tartaruga il numero di passi specificato nella direzione dell’orientamento attuale della tartaruga;
  • le istruzioni destra e sinistra ruotano rispettivamente in senso orario e in senso antiorario l’orientamento attuale della tartaruga, e il numero che segue è un angolo espresso in gradi;
  • pennasu e pennagiu sollevano e abbassano rispettivamente la penna sotto la pancia della tartaruga: quando la penna è sollevata ovviamente non lascia tracce sul terreno;
  • l’istruzione ripeti fa ripetere il blocco che segue, delimitato da parentesi graffe, per un numero di volte indicato a fianco dell’istruzione.

Si vuole ottenere questo “punto interrogativo tartaruga” (inizialmente la tartaruga ha la penna abbassata e guarda verso l’alto):

Si consideri il seguente codice, si individui l’errore che impedisce di ottenere il risultato voluto e lo si riporti nella seguente forma:

RIGa_di_codice, NUMero_SBagliato, NUMero_CORRetto.

I numeri di riga sono mostrati tra parentesi quadre all’inizio di ogni riga.

2016 – n. 18

La grafica della tartaruga prevede che si possano impartire degli ordini di movimento a una tartaruga, che li eseguirà lasciando sul terreno una traccia dei suoi movimenti, come se avesse una penna attaccata sulla pancia.

Gli ordini possono essere impartiti tramite un semplice linguaggio, stando attenti che:

  • le istruzioni destra e sinistra sono relative all’orientamento attuale della tartaruga, e il numero che segue è un angolo di rotazione (rispettivamente orario e antiorario) espresso in gradi;
  • le istruzioni pennasu e pennagiu sollevano e abbassano rispettivamente la penna sotto la pancia della tartaruga: quando la penna è sollevata ovviamente non lascia tracce sul terreno;
  • l’istruzione cambialinea cambia il tipo di linea della penna della tartaruga tra le due modalità disponibili: continua e tratteggiata;
  • l’istruzione ripeti fa ripetere il blocco che segue, delimitato da parentesi graffe, per un numero di volte indicato a fianco dell’istruzione.

Si vogliono ottenere questi due quadrati, e inizialmente la tartaruga guarda verso destra e il tipo di linea è continuo:

Si consideri il seguente codice e lo si completi, inserendo le istruzioni mancanti alle righe [9] e [14].

I numeri di riga sono mostrati tra parentesi quadre all’inizio di ogni riga.

Discussione 2017 – n. 19

La grafica della tartaruga prevede che si possano impartire degli ordini di movimento a una tartaruga, che li eseguirà lasciando sul terreno una traccia dei suoi movimenti, come se avesse una penna attaccata sulla pancia.
Gli ordini possono essere impartiti tramite un semplice linguaggio, stando attenti che:

  • l’istruzione avanti fa avanzare la tartaruga: il numero che segue esprime la lunghezza del movimento in passi;
  • le istruzioni destra e sinistra sono relative all’orientamento attuale della tartaruga, e il numero che segue è un angolo di rotazione (rispettivamente orario e antiorario) espresso in gradi;
  • le istruzioni pennasu e pennagiu sollevano e abbassano rispettivamente la penna sotto la pancia della tartaruga: quando la penna è sollevata ovviamente non lascia tracce sul terreno;
  • l’istruzione ripeti fa ripetere il blocco che segue, delimitato da parentesi graffe, per un numero di volte indicato a fianco dell’istruzione.

Inizialmente la tartaruga si trova nel vertice D, guarda verso l’alto ed è nella condizione pennagiu.
Si consideri il seguente codice e si indichi in quale vertice V si trova la tartaruga al termine dell’esecuzione e si dica se ha disegnato tutti i tratti mostrati in figura oppure no (DISEGNO=SI o DISEGNO=NO).
I numeri di riga sono mostrati tra parentesi quadre all’inizio di ogni riga del programma.

2018 – n. 19

La grafica della tartaruga prevede che si possano impartire degli ordini di movimento a una tartaruga, che li eseguirà lasciando sul terreno una traccia dei suoi movimenti, come se avesse una penna attaccata sulla pancia.
Gli ordini possono essere impartiti tramite un semplice linguaggio, stando attenti che:

  • le istruzioni destra e sinistra sono relative all’orientamento attuale della tartaruga, e il numero che segue è un angolo di rotazione (rispettivamente orario e antiorario) espresso in gradi;
  • le istruzioni pennasu e pennagiu sollevano e abbassano rispettivamente la penna sotto la pancia della tartaruga: quando la penna è sollevata ovviamente non lascia tracce sul terreno;
  • l’istruzione ripeti fa ripetere il blocco che segue, delimitato da parentesi graffe, per un numero di volte indicato a fianco dell’istruzione.

Inizialmente la tartaruga si trova nel vertice A, guarda in alto a destra ed è nella condizione pennagiu.
La misura dei lati è AB = a, BH = c, GH = b.
Il programmatore della tartaruga è stato però interrotto nel suo lavoro prima di poter scrivere le ultime due istruzioni ISTR18 e ISTR19 necessarie perché la tartaruga completi il disegno (il famoso grafo di Petersen).
Scrivere le due istruzioni mancanti.

Prova con

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.