HTML

HyperText Markup Language nasce nel 1989 per iniziativa di Tim Berners-Lee presso il CERN di Ginevra (The birth of the web)

  • ’60, GML, Generalized Markup Language (IBM)
  • 1986, SGML, Standard …
  • 1989, HTML Tim Berners-Lee (CERN)
  • 1993, HTML+
  • 1995, HTML 2.0 – HTML 3.0
  • 1997, HTML 3.2 – HTML 4.0
  • 1999, HTML 4.01
  • 2008, HTML 5

RIEPILOGO

SINTASSI DI BASE

  1. TAG
  2. DOCUMENTO – Tag obbligatori e commenti
  3. DOCUMENTO – DOCTYPE
  4. DOCUMENTO – HEAD (BASE, TITLE, META)
  5. DOCUMENTO – BODY
  6. COLORI
  7. COLORI – Con nome
  8. COLORI – Sfumature
  9. LINEA orizzontale
  10. TESTI – Paragrafi, titoli
  11. SEZIONI della pagina
  12. TESTI – Font
  13. TESTI – Stili dei caratteri
  14. LISTE – Non ordinate
  15. LISTE – Ordinate
  16. LISTE – Annidate
  17. LISTE – Di descrizioni
  18. TABELLE – Struttura
  19. TABELLE – Fusione di celle
  20. TABELLE – Formattazione
  21. TABELLE – Gruppi di righe
  22. TABELLE – Etichetta
  23. TABELLE – Esempio parabole
  24. TABELLE – Esempio matrici
  25. COLLEGAMENTI, segnalibro, target
  26. IMMAGINI

  1. TESTI – Caratteri speciali
  2. TESTI – Caratteri speciali alfabetici
  3. TESTI – Testo scorrevole

MODULI

  1. FORM
  2. INPUT – “text” | “password”
  3. INPUT – “submit” | “reset”
  4. INPUT – “checkbox”
  5. INPUT – “radio”
  6. INPUT – “color”“date”“number”“range”
  7. INPUT – “button” | “file” | “hidden” | “image”
  8. SELECT – OPTION – OPTGROUP
  9. TEXTAREA
  10. FIELDSET – LEGEND
  11. BUTTON | LABEL
  12. ATTRIBUTI – placeholder
  13. ATTRIBUTI – Comuni
  14. ORGANIZZAZIONE – Con TABLE
  15. ORGANIZZAZIONE – Con TABLE e FIELDSET

HTML5

Tante novità per formattare e arricchire i documenti

  • Si semplifica l’inclusione di oggetti multimediali, animazioni
  • Le sezioni delle pagine hanno dei nomi standard
  • I form risultano più accattivanti e funzionali, l’elemento <input> arriva a 29 tipi diversi
  • Raccomandazioni

Novità

  1. FORM – TAG: DATALIST, DOCTYPE, MARK, METER, PROGRESS, WBR, …
  2. FORM – ATTRIBUTI: placeholder, autofocus, list, required, …
  3. FORM – INPUT > type: color, date, number, range, datetime-local, email, month, search, tel, time, url, week
  4. MULTIMEDIA: AUDIO, CANVAS, MATH (MathML), PICTURE, SVG, VIDEO
  5. SEZIONI: ARTICLE, ASIDE, FOOTER, HEADER, MAIN, NAV, SECTION

FRAME

DHTML

Dynamic HTML non è uno standard o un linguaggio per il web ma un modo per esplicitare che il codice HTML si combina con Javascript, DOM e CSS.

XHTML

XHTML ridefinisce l’ultimo standard HTML (4.01) in modo da renderlo compatibile con XML.

  • 2000, XHTML 1.0
  • 2000, XHTML Basic
  • 2002, XHTML 1.0 Rivisitato
  • 2006, XHTML 2.0 Working Draft
  • 2008, XHTML Basic 1.1
  • 2010, XHTML 2.0 Working Group Note

Le diverse versioni di XHTML intendono semplificare e uniformare l’uso di di HTML con l’obiettivo di condividere facilmente i documenti e gli altri contenuti web tra dispositivi diversi: desktop, PDA, TV, smartphone, …

XML

Extensible Markup Language

  • 1986 SGML
  • 1996 XML Working Group
  • 2008 XML 1.0 … 5° edizione, W3C Recommendation

Caratteristiche di base

  • Differenze con HTML
  • Sintassi: Elementi, Attributi, Documenti, attributi riservati
  • Struttura dei documenti: DTD, XSL, XSLT, XSL:FO, XPath, XLink, XPointer
  • Tecnologie derivate: MathML, RSS, SMIL, SVG, X3D, XHTML

RISORSE ONLINE

In italiano

In inglese